2015, nuova indennità di disoccupazione per chi ha perso il lavoro la Naspi


2015, nuova indennità di disoccupazione 
per chi ha perso il lavoro la Naspi 

Naspi, si chiamerà la Nuova Prestazione di Assicurazione Sociale per l’impiego, 
e andrà a sostituire quelli che oggi sono i sussidi Aspi e Mini Aspi; la Naspi entrerà in vigore a partire da maggio 2015, durerà 24 mesi e verrà calcolata in base alle settimane di contribuzione del lavoratore nell’arco degli ultimi 4 anni di lavoro.
Questo Sussidio entra a far parte delle Jobs Act attuate dal Governo Renzi nel quale decreto attuativo si legge: 
“A decorrere dal 1 maggio 2015 è istituita presso la Gestione prestazioni temporanee ai lavoratori dipendenti, e nell’ambito dell’Assicurazione sociale per l’impiego (ASpI) introdotta dalla Riforma Fornero, una indennità mensile di disoccupazione, denominata Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l’Impiego (NASpI), avente la funzione di fornire una tutela di sostegno al reddito ai lavoratori con rapporto di lavoro subordinato che abbiano perduto involontariamente la propria occupazione.”

Non tutti però potranno richiedere il sussidio, infatti potranno farlo solo i lavoratori che hanno perso involontariamente il lavoro e che abbiano questi requisiti:
• siano in stato di disoccupazione ai sensi dell’articolo 1, comma 2, lettera c) del decreto legislativo 21 aprile 2000, n. 181, e successive modificazioni;
• possano far valere, nei quattro anni precedenti l’inizio del periodo di disoccupazione, almeno tredici settimane di contribuzione;
• possano far valere diciotto giornate di lavoro effettivo o equivalenti, a prescindere dal minimale contributivo, nei dodici mesi che precedono l’inizio del periodo di disoccupazione.
Il sussidio Naspi è riconosciuto anche ai lavoratori che hanno rassegnato le dimissioni per giusta causa e nei casi di risoluzione consensuale del rapporto di lavoro intervenuta nell’ambito della procedura di cui all’articolo 7 della legge 15 luglio 1966, n. 604, come modificato dal comma 40 dell’articolo 1 della legge n. 92 del 2012.

Ma a quanto ammonta la Naspi?

Per sapere esattamente quanto sarà il sussidio si deve calcolare la retribuzione imponibile ai fini previdenziali divisa per il numero di settimane di contribuzione degli ultimi quattro anni utili e moltiplicare questo valore per il numero 4,33.
Se, nel 2015, la retribuzione mensile è pari o inferiore a 1.195 euro al mese, l’indennità è pari al 75% della retribuzione. Se invece è superiore, l’indennità è pari al 75% del predetto importo incrementato di una somma pari al 25% del differenziale tra la retribuzione mensile e il predetto importo. L’importo massimo comunque non deve superare i 1.300 euro mensili ed ogni lavoratore ha diritto ad assegni familiari.
Per richiedere il nuovo sussidio Naspi occorre presentare la domanda all’INPS in via telematica, entro il termine di decadenza di sessantotto giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro.

*fonte: il web

Share on Google Plus

About Italy Media

Italy Media è un contenitore di informazioni libere da qualsivoglia imposizione politica o finalità di lucro, non contiene materiale offensivo,incluse espressioni diffamatorie, di fanatismo, razzismo, che possano causare pregiudizio a terzi, violazione dei diritti d’autore, piratateria. Italy Media promuove le libere espressioni, sociali e culturali e sviluppa attività di arricchimento della rete web con contenuti e informazioni utili alle esigenze dei cittadini, del territorio e a livello nazionale..
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ultime notizie